Cerca nel blog

martedì 17 settembre 2019

Giuseppe Bonacini Volontario di guerra 3


ARCHIVIO
I Volontari di Guerra

Impressioni di guerra
   L'ardore patriottico dei Volontari Ciclisti Automobilisti del 1915


Elisa Bonacini





Note di memoria su Giuseppe Bonacini   (Reggio Emilia 1892-1961) Dopo l'esperienza nei Volontari Ciclisti Automobilisti , si arruolò a fine 1915 nel Corpo dei Bersaglieri del  Regio Esercito. Durante la seconda guerra mondiale, seppure mutilato di guerra, fu Comandante del Distretto militare di Reggio Emilia.


La testimonianza di Osvaldo, compagno d'armi nei V.C.A.

Attraverso le parole dell'amico Osvaldo “compagno d'armi”, che compare pure in alcuni scatti fotografici , tratte da un articolo da lui scritto nel marzo 1961 su un giornale di Reggio Emilia pochi giorni dopo la morte ecco la descrizione di Giuseppe Bonacini e qualche ricordo di quei giorni condivisi negli aspri combattimenti sulle Alpi Venete.

Peppino era un emiliano, un tipo gioviale,un carattere forte, un animo generoso, un fisico robusto, un cuore semplice e puro.
“La sua caratteristica essenziale”così mi scrive il caro amico Maurizio da Gualdo Tadino “ era già indicata nel suo nome: la bontà, e la generosità. Certo, io credo il più generoso di quanti conobbi nel battaglione. Mi ricordo quandosi caricava anche dello zaino dell'eroico, ma fisicamente debole Manfredi, il mazziniano...”.
Come era premuroso e gentile verso gli amici, così era fermo e deciso nelle azioni guerresche.
E spingeva in sella i ritardatari ed aiutava in ogni modo i commilitoni.
E quante premure ebbe sempre per me!
Ricordo il suo allarmato accorrere quando, sul Costone dell'Altissimo uno shrapnel scoppiò
proprio sulla mia testa: Avevo sentito tambureggiare i pallini sulle foglie e sulle rocce, tutto intorno a me. “Osvaldo, sei ferito?” ansimo'. Io intanto mi tastavo una gamba, dove avevo sentito la percossa di un botto, nei calzoni avevo un foro: la pallottola la trovai l'indomani, affondata nella calza di lana.
Un giorno, sempre a Dosso Casina, noi due eravamo stati distaccati di pattuglia oltre la linea, quando giunse il primo rifornimento di viveri: il Battaglione ne era privo da un paio di giorni.
Al nostro rientro, più nulla era rimasto dei viveri. Noi eravamo morti di fame, fummo autorizzati ad andare a rifornirci nella lontana seconda linea.
A braccetto, un poco barcollando, tornammo dal sergente Pagano che, verso Redecol, dirigeva i servizi : “Date due gamelle di vitto a questi due! “ ordinò Pagano. Che scorpacciata facemmo!
Infilammo poi alcune pagnotte in un bastone e tornammo tosto tosto in linea.
Un capitano degli Alpini, notandoci sulla esposta mulattiera mentre le artiglierie del Brione ci avevano chiaramente presi di mira, ci aveva raggiunti e rimproverati.
“Ma signor Capitano”, aveva risposto Peppino, “siamo mezzo morti di fame!”
 E quando ci arruolammo per la seconda volta nei V.C.A., in Piazza S. Angelo (n.d.r. a Reggio Emilia) io e Adami firmammo l'arruolamento anche a nome di Peppino. E l'indomani, recatici a Reggio, Peppino lietamente ci ringraziò:” Avrei voluto vedere se eravate capaci di partire senza di me!”.

In seguito, dopo un breve periodo a Pesaro, fece domanda per frequentare il corso allievi ufficiali e partì per Laveno, dove lo rividi qualche mese più tardi, in occasione di una mia licenza.
Non appena nominato Aspirante, Peppino volò a Pesaro per trascorrere qualche giorno con noi.
Poi andò al fronte. Nel maggio 1917 fu ferito a Castagnevizza, ma nel mese di giugno raggiungeva il 1° Battaglione Bersaglieri Ciclisti, in zona di guerra
Nel giugno 1918 fu nuovamente ferito in modo grave da una bomba a mano in una coscia. (Lo vide trasportare in barella il nostro povero Carletto Rocca, che era tra i rincalzi). Abbisognò di lunghe cure :si può dire dovesse ad ogni medicazione subire il raschiamento dell'osso. “E' un santo” disse allora la suora che l'assisteva.
Nella seconda guerra mondiale, sebbene mutilato, ebbe funzione di comando del Distretto Militare di Reggio Emilia.
(vds articoli precedenti in data 3 e 10 settembre 2019)


lunedì 16 settembre 2019

La fidélité du militaire 5

DIBATTITI
Le militaire doit-il sans condition
 obéir à l’autorité politique ?



CF Jean-Marc Bordier

  
Le militaire doit-il sans condition obéir à l’autorité politique ?

C’est pour donner quelques éléments de réponse à cette question complexe que deux exemples seront tirés de l’histoire de France pour essayer d’en extraire des conclusions dont l’objectif n’est pas de répondre de manière définitive à cette problématique mais de susciter une réflexion personnelle.

L’Armistice de juin 1940

La situation extrêmement compliquée devant laquelle se trouvent les militaires italiens au moment de l’armistice de septembre 1943 peut, à bien des égards, être comparée à celle devant laquelle se trouvent les militaires français après l’armistice de juin 1940. Alors que nombre militaires français n’ont pas combattu (l’ensemble de la marine française par exemple), quelques semaines seulement après le début des hostilités réelles avec l’Allemagne, le maréchal Pétain, héros de la première guerre mondiale, symbole de la résistance héroïque de Verdun et arrivé au pouvoir après la démission du gouvernement de Paul Reynaud le 16 juin 1940, dans une allocution radiodiffusée le 17 juin 1940 , demande aux militaires français de cesser de combattre pour préserver la France et sa population de malheurs inutiles ; il est par ailleurs convaincu que l’Angleterre serait vaincue rapidement et que l’Allemagne sortirait vainqueur du conflit.
En écho au discours du maréchal Pétain du 17 juin 1940, le général de Gaulle, alors inconnu de la population française, lance un appel radiodiffusé de Londres le 18 juin 1940 , enjoignant les Français, non pas à déposer les armes, mais à continuer le combat contre les forces de l’Axe. Pour avoir désobéi au pouvoir « légitime », il est condamné à mort par le régime de Vichy que le maréchal Pétain préside. Aujourd’hui, on parle souvent de « juste désobéissance » pour qualifier l’action du général de Gaulle en juin 1940.

Comment donc et pourquoi, deux officiers qui sortent de la même école, qui partagent le même socle de valeurs, la même culture, ayant une très haute idée de la France, une haute conception de l’Honneur, arrivent à avoir deux positions tellement opposées devant une telle situation ?
Parce que l’obéissance a une limite, qui n’est pas nécessairement liée à la formation académique que l’on reçoit dans les écoles ou aux contrats d’engagement que l’on peut signer, mais liée plus certainement à notre culture propre, notre éducation, notre sens de l’Honneur, notre amour de la Patrie, notre religion lorsqu’on en a une, la Morale si on en a besoin, nos intérêts, nos ambitions. La clé de l’opposition entre le maréchal Pétain et le général de Gaulle est que le premier agit comme un politique, en fonction de ce qui lui semble être l’intérêt général (éviter les victimes inutiles, préserver la France d’une occupation totale), lorsque le second agit avec son cœur, « ses tripes », en fonction de ce qui lui semble être le Bien Commun (refus catégorique de la défaite face à une idéologie qu’il rejette en bloc car contraire à ses valeurs fondamentales).

 Le putsch des généraux d’avril 1961 en Algérie

Le samedi 22 avril 1961, les généraux Challe, Salan, Zeller et Jouhaud, avec l'appui du 1er régiment de parachutistes, commettent un coup de force à Alger. Ce putsch fait suite à la conférence de presse du 11 avril 1961, où de Gaulle justifie sur un ton, jugé désinvolte, la décolonisation de l'Algérie par ce qu'elle coûte à la France. Ceci est ressenti comme une provocation chez les tenants de l'Algérie française, qui tentent de refaire le 13 mai 1958 (chute de la IVème République, arrivée au pouvoir du général de Gaulle). Par l'allocution du 23 avril , de Gaulle, en uniforme militaire, informe la Nation qu'il assume les pleins pouvoirs prévus par l'article 16 de la Constitution de la Vème République. Diffusé par les postes à transistors en Algérie, ce discours jalonné de formules frappantes encourage la désobéissance des soldats du contingent aux officiers putschistes et intimide les hésitants. Discours capital, l'allocution du 23 avril fait tourner court la rébellion.

Les généraux putschistes se sentent trahis par de Gaulle et ne veulent pas être les complices passifs d’un pouvoir politique métropolitain accusé d’être parjure, qui semble ignorer les intérêts de tant de Français vivant en Algérie, qui semble prêt à se séparer d’un morceau de France alors que la victoire militaire sur les forces adverses est largement à portée de main. Obéir au régime légitime leur devient insupportable et par un acte désespéré, ils désobéissent avec fracas, emmenant avec eux plusieurs officiers et régiments.

 Conclusion

En temps de paix, la fidélité, l’obéissance au chef est facile et ne pose pas de difficulté. La situation se complique de manière notable en temps de crise ou de guerre : le militaire, qui se sent trahi, abandonné, peut être tenté de ne pas obéir aux ordres reçus des autorités politiques, ou bien parce qu’il les trouve contraires à l’honneur, aux idéaux qu’il défend, ou bien parce que les politiques ne sont pas considérés comme légitimes ou dignes d’être obéis.

L’obéissance au chef a donc une limite, un point de rupture. Ce dernier est bien sûr personnel et est très difficile à définir de manière précise, a priori. Il dépend d’un nombre important de facteurs sur lesquels une réflexion personnelle est sans doute importante pour nous, militaires. Face à une situation donnée, face à un choix difficile, quelle est la mesure dont je me sers pour prendre ma décision : mon éducation ? mes valeurs ? l’honneur ? ma religion ? la loi ? mon courage ? mes convictions ? mes intérêts ? mon bien-être ? l’intérêt général ? le Bien Commun ?
Une réponse claire à cette question serait de nature à déterminer notre point de rupture et améliorer la connaissance que nous avons de nous-mêmes.

Mais sommes nous réellement prêts à effectuer objectivement cette introspection ?

domenica 15 settembre 2019

La fidélité du militaire 4

DIBATTITI
Algerie 1961




Discours radiodiffusé du général de Gaulle, le 23 avril 1961

Un pouvoir insurrectionnel s'est établi en Algérie, par un pronunciamento militaire. Les coupables de l'usurpation ont exploité la passion des cadres de certaines unités spéciales, l'adhésion enflammée d'une partie de la population de souche européenne, égarée de craintes et de mythes, l'impuissance des responsables submergés par la conjuration militaire. Ce pouvoir a une apparence, un quarteron de généraux en retraite ; il a une réalité, un groupe d'officiers partisans, ambitieux et fanatiques. Ce groupe et ce quarteron possède un savoir-faire limité et expéditif, mais ils ne voient et ne connaissent la nation et le monde, que déformés au travers de leur frénésie. Leur entreprise ne peut conduire qu'à un désastre national. Car l'immense effort de redressement de la France, entamé depuis le fond de l'abîme, le 18 juin 1940, mené ensuite en dépit de tout jusqu'à ce que la victoire fut remportée, l'indépendance assurée, la république restaurée, repris depuis trois ans afin de refaire l'Etat, de maintenir l'unité nationale, de reconstituer notre puissance, de rétablir notre rang au dehors, de poursuivre notre œuvre outre-mer à travers une décolonisation, tout cela risque d'être rendu vain à la veille même de la réussite par l'odieuse et stupide aventure d'Algérie. Voici que l'Etat est bafoué, la nation bravée, notre puissance dégradée, notre prestige international abaissé, notre rôle et notre place en Afrique compromis, et par qui ? Hélas ! hélas ! hélas ! Par des hommes dont c'était le devoir, l'honneur, la raison d'être de servir et d'obéir. Au nom de la France, j'ordonne que tous les moyens, je dis tous les moyens, soient employés partout pour barrer la route à ces hommes-là, en attendant de les réduire. J'interdis à tous Français, et d'abord à tous soldats, d'exécuter aucun de leurs ordres. L'argument suivant lequel il pourrait être localement nécessaire d'accepter leur commandement, sous prétexte d'obligations opérationnelles ou administratives, ne saurait tromper personne. Les chefs civils et militaires qui ont le droit d'assumer les responsabilités sont ceux qui ont été nommés régulièrement pour cela, et que précisément les insurgés empêchent de le faire. L'avenir des usurpateurs ne doit être que celui que leur destine la rigueur des lois. Devant le malheur qui plane sur la patrie, et devant la menace qui pèse sur la République, ayant pris l'avis officiel du Conseil Constitutionnel, du Premier Ministre, du Président du Sénat, du président de l'Assemblée Nationale, j'ai décidé de mettre en œuvre l'article 16 de notre Constitution. A partir d'aujourd'hui, je prendrai, au besoin directement, les mesures qui me paraîtront exigées par les circonstances. Par là même, je m'affirme en la légitimité française et républicaine qui m'a été conférée par la Nation, que je maintiendrai quoiqu'il arrive jusqu'au terme de mon mandat ou jusqu'à ce que viennent à me manquer soit les forces soit la vie, et que je prendrai les moyens de faire en sorte qu'elles demeurent après moi. Françaises, Français, voyez où risque d'aller la France par rapport à ce qu'elle était en train de redevenir. Françaises, Français, aidez moi!

sabato 14 settembre 2019

La fidélité du militaire 3

DIBATTITI
France 1940



Discours radiodiffusé du général de Gaulle, le 18 juin 1940


"Les chefs qui, depuis de nombreuses années, sont à la tête des armées françaises, ont formé un gouvernement. Ce gouvernement, alléguant la défaite de nos armées, s'est mis en rapport avec l'ennemi pour cesser le combat.
Certes, nous avons été, nous sommes, submergés par la force mécanique, terrestre et aérienne, de l'ennemi. Infiniment plus que leur nombre, ce sont les chars, les avions, la tactique des Allemands qui nous font reculer. Ce sont les chars, les avions, la tactique des Allemands qui ont surpris nos chefs au point de les amener là où ils en sont aujourd'hui.
Mais le dernier mot est-il dit ? L'espérance doit-elle disparaître ? La défaite est-elle définitive ? Non !
Croyez-moi, moi qui vous parle en connaissance de cause et vous dis que rien n'est perdu pour la France. Les mêmes moyens qui nous ont vaincus peuvent faire venir un jour la
victoire. Car la France n'est pas seule ! Elle n'est pas seule ! Elle n'est pas seule ! Elle a un vaste Empire derrière elle. Elle peut faire bloc avec l'Empire britannique qui tient la mer et continue la lutte. Elle peut, comme l'Angleterre, utiliser sans limites l'immense industrie des Etats-Unis.
 Cette guerre n'est pas limitée au territoire malheureux de notre pays. Cette guerre n'est pas tranchée par la bataille de France. Cette guerre est une guerre mondiale. Toutes les fautes, tous les retards, toutes les souffrances, n'empêchent pas qu'il y a, dans l'univers, tous les moyens nécessaires pour écraser un jour nos ennemis. Foudroyés aujourd'hui par la force mécanique, nous pourrons vaincre dans l'avenir par une force mécanique supérieure. Le destin du monde est là.
Moi, Général de Gaulle, actuellement à Londres, j'invite les officiers et les soldats français qui se trouvent en territoire britannique ou qui viendraient à s'y trouver, avec leurs armes ou sans leurs armes, j'invite les ingénieurs et les ouvriers spécialistes des industries d'armement qui se trouvent en territoire britannique ou qui viendraient à s'y trouver, à se mettre en rapport avec moi.
Quoi qu'il arrive, la flamme de la résistance française ne doit pas s'éteindre et ne s'éteindra pas.
Demain, comme aujourd'hui, je parlerai à la Radio de Londres."

venerdì 13 settembre 2019

La fidélité du militaire 2

DIBATTITI
France, 1940



Discours radiodiffusé du maréchal Pétain, le 17 juin 1940


"Français !
A l'appel de Monsieur le Président de la République, j'assume à partir d'aujourd'hui la direction du gouvernement de la France. Sûr de l'affection de notre admirable armée qui lutte, avec un héroïsme digne de ses longues traditions militaires, contre un ennemi supérieur en nombre et en armes. Sûr que par sa magnifique résistance, elle a rempli nos devoirs vis-à-vis de nos alliés. Sûr de l'appui des Anciens Combattants que j'ai eu la fierté de commander, sûr de la confiance du peuple tout entier, je fais à la France le don de ma personne pour atténuer son malheur.
En ces heures douloureuses, je pense aux malheureux réfugiés qui, dans un dénuement extrême, sillonnent nos routes. Je leur exprime ma compassion et ma sollicitude. C’est le cœur serré que je vous dis aujourd'hui qu'il faut cesser le combat. Je me suis adressé cette nuit à l'adversaire pour lui demander s'il est prêt à rechercher avec nous, entre soldats, après la lutte et dans l'Honneur, les moyens de mettre un terme aux hostilités. Que tous les Français se groupent autour du Gouvernement que je préside pendant ces dures épreuves et fassent taire leur angoisse pour n'écouter que leur foi dans le destin de la Patrie."


mercoledì 11 settembre 2019

Ricerche tramite internet Siti nota 1


NOTIZIE CESVAM
In merito alle ricerche in corso, si indicano i siti più pertinenti per accedere a documenti ed informazioni. 



Storia contemporanea

www.luce.it
L’Istituto Luce custodisce un archivio di straordinario interesse per lo storico, con i filmati dei grandi avvenimenti dell'Italia del Novecento ma anche con la possibilità di scoprire i mille volti “minori” del nostro paese, i mille eventi locali che sono preziosi per ricostruire un’epoca, una mentalità, un modo di vivere. L'istituto mette gratuitamente a disposizione moltissimo materiale direttamente on line: è sufficiente iscriversi per ricevere la password. Il sistema di ricerca è molto efficiente, e ogni filmato è descritto fin dettagli.

Diritti umani, ricerca e formazione sul conflitto

www.centrodirittiumani.unipd.it
Centro interdipartimentale di ricerca e servizi sui diritti della persona e dei popoli dell'Università di Padova.

www.pacedifesa.org
Centro Studi Difesa Civile: dalla ricerca all'azione per la trasformazione costruttiva dei conflitti.

www.studiperlapace.it
Centro di studi indipendente di diritto internazionale dei diritti umani e dei conflitti armati.

www.polemos.it
Scuola di formazione e di studi sui conflitti

www.decrescita.it
Rete per la decrescita serena, pacifica e solidale.

Il sito del Gruppo Abele di Torino.

Nigrizia, il sito dell'Africa e del mondo nero.

Ufficio regionale di informazione delle Nazioni Unite per l'Europa Occidentale.

(continua)

lunedì 9 settembre 2019

Giuseppe Bonacini volontario di guerra 2


ARCHIVIO
I Volontari della Grande Guerra


Impressioni di guerra
   L'ardore patriottico dei Volontari Ciclisti Automobilisti del 1915


Elisa Bonacini




Note di memoria su Giuseppe Bonacini   (Reggio Emilia 1892-1961) Dopo l'esperienza nei Volontari Ciclisti Automobilisti , si arruolò a fine 1915 nel Corpo dei Bersaglieri del  Regio Esercito. Durante la seconda guerra mondiale, seppure mutilato di guerra, fu Comandante del Distretto militare di Reggio Emilia.


“Il cassetto della storia”

 Solo dopo la morte dei miei genitori ho potuto aprire il cassetto dei ricordi, quel “cassetto della storia”, come amo definirlo, per tanti anni celato con quel pudore dei sentimenti comune a tutta quella generazione.
Ed ecco emergere documenti, fotografie, cartoline, lettere  conservate gelosamente e chissà quante volte lette e rilette, immagino con quale nostalgia....ed infine quelli che considero i gioielli di famiglia: il “diario di guerra e prigionia” di mio padre Ernesto,  internato militare in Germania  e dopo  l'8 settembre 1943  e l'Album di fotografie di mio nonno Giuseppe, volontario nel mitico Battaglione Lombardo Volontari Ciclisti Automobilisti (V.C.A.) nel 1915 agli esordi della 1a Guerra Mondiale, dall'ironico titolo “Impressioni di guerra”: fotografie eccezionali,  straordinariamente conservate considerando  che hanno attraversato indenni un secolo e ben due guerre mondiali.
Scatti fotografici pieni di ironia e di voluta incoscienza per le azioni di guerra che da lì a poco  i  volontari avrebbero intrapreso, una full immersion nelle località più ridenti del lato orientale del lago Garda nei primi novecento.
Foto che rappresentano quei momenti storici animati da un fortissimo ardore patriottico per una Italia libera dall'oppressione austriaca. Dopo cento anni esatti, ho voluto condividere le mie emozioni con tutti voi.

(Il precedente articolo è stato pubblicato il 3 settembre 2019)

domenica 8 settembre 2019

Convegno La Maddalena 12 settembre 2019

NOTIZIE CESVAM
L'Istituto del Nastro Azzurro, tramite il CESVAN
ha organizzato a La Maddalena un Convegno
 coinvolgendo personalità ed enti locali
per rievocare e ricordare la crisi armistiziale nel Nord della Sardegna
Responsabile della iniziativa
 Amm. sq. Mario Rino Me




Il Direttore del CESVAM
terrà una relazione sulla crisi armistiziale
 come contributo ai lavori del Convegno 




sabato 7 settembre 2019

Arabia Saudita Un paese da conoscere I Parte

SCENARI,REGIONI,QUADRANTI
Indicazioni per una permanenza in Arabia Saudita



INFORMAZIONI  E  CONSIGLI  PRATICI

sul Regno dell’ARABIA SAUDITA



1.      PAESE

-          Nome ufficiale:  Regno di Arabia Saudita;
-          Capo dello Stato:  Re Abdullah Bin Abdulaziz Al Saud, che si avvale del titolo di  “Custode delle due Sacre Moschee”;
-          Capitale:  Riyadh;
-          Lingua Ufficiale: l’arabo,   ma l’inglese e’ comunemente parlato;
-          Superficie:  circa 2.250.000 Kmq (7 volte l’Italia).
      -     Popolazione:  al 31 Dicembre 2010, popolazione di circa 23.700.000 abitanti (50,4% maschi e 49,6% femmine), di cui:
-    oltre 18 milioni  di sauditi, di religione musulmana sunnita per oltre il 95%, con una minoranza  (circa 0,7 milioni)  di sciiti, concentrati per lo più nel sud, sud/est;
-    5,7  milioni di immigrati, per lo più del terzo mondo arabo, africano ed asiatico.
L’incremento demografico registrato costantemente negli ultimi anni si attesta tra il 3,5 ed il 4 %.
L’origine etnica dei sauditi e’ per circa due terzi dai beduini nomadi e per un terzo dai sedentari. Il nomadismo e’ oggi praticato da una percentuale della popolazione compresa tra il 10 ed il 15%, tasso in diminuzione costante in virtù di un’energica politica d’incoraggiamento alla sedentarizzazione operata dalla dirigenza saudita.
La capitale Riad conta una popolazione ad oggi stimata di oltre 3,5 milioni di abitanti.

2.   MODO DI VIVERE SAUDITA

 I Sauditi sono legati alla tradizione islamica più conservatrice ed i principi cui  ispirano la loro esistenza sono decisamente diversi da quelli degli Occidentali.
In  linea di massima  gli Europei e gli Americani tendono ad una vita varia, dinamica, caratterizzata molto da un costante progresso tecnologico che consente di concentrare in un determinato lasso di tempo un numero sempre maggiore di attività e contatti.
I Sauditi invece amano vivere secondo ritmi decisamente più lenti. Essi  utilizzano ampiamente le novità tecnologiche, ma le apprezzano solo per le possibilità che esse consentono di vivere più comodamente, sollevati quanto possibile da incombenze e fastidi.
Essi diffidano solo delle novità potenzialmente in grado di  provocare cambiamenti nella loro struttura sociale, fortemente condizionata dai dettami dell’Islam, vissuti ed osservati nella versione più ortodossa.

       a. La condizione femminile
            Le donne saudite occupano nella società un ruolo totalmente subordinato agli  uomini.
            In pubblico sono completamente coperte, capo e volto compresi. Sono escluse dal mondo del lavoro se non per insegnare nelle scuole femminili.



            La totale separazione dei sessi che vige nella società le porta ad aver contatti, nell’universo maschile, per tutta la loro vita,  solo con il padre, i fratelli,  il marito e i figli.
            Gli uomini giustificano tale segregazione con la necessita’ di assicurare loro protezione, condizione della quale non godrebbero invece le donne occidentali.

      b. “Inshallah”
  In Arabia Saudita la religione influenza fortemente il vivere quotidiano della popolazione.
  Forse nulla rivela tale condizionamento più dell’uso ripetuto che i Sauditi fanno, nelle loro conversazioni, della espressione “inshallah” (= “se Dio vuole”). Essi  vi fanno ricorso ogni qual volta ci si riferisca  ad un evento auspicato o che dovrebbe coinvolgerli in un futuro vicino o lontano.
  I Sauditi, forse più di ogni altro popolo musulmano, sentono che ciò che il futuro riserva loro  e’ conseguenza solo ed esclusivamente del volere di Dio (Allah) e di conseguenza  neppure nel normale conversare osano esprimere certezze riguardo agli eventi futuri.

      c.   Saluti ed espressioni di cortesia
Le tradizioni  saudite provengono direttamente dal mondo beduino. La scoperta dei più ricchi giacimenti di petrolio del pianeta, e le conseguenti ricchezza e  graduale crescente  urbanizzazione,  non hanno cancellato  la pratica di tutte le tradizioni del passato,  osservate con un’attenzione ed un’intensità che sorprende qualunque Occidentale.
Ciò e’ particolarmente evidente nel numero infinito di frasi rituali che i Sauditi  pronunciano per salutarsi, scambiarsi auguri,  mostrare ospitalità, ecc.
 In pratica esistono  frasi standardizzate per qualunque evento o situazione  in cui  essi possano trovarsi.
I Sauditi  non si aspettano ovviamente che gli ospiti Occidentali  conoscano tutte  le loro tradizioni o che pratichino  le loro consuetudini, ma  seguirne qualcuna farà sempre una buona impressione e contribuirà a creare una favorevole e cordiale atmosfera.
C’e’ una regola di cui bisogna assolutamente tenere conto quando si incontrano Sauditi, sia per affari che per eventi formali. La prima fase dell’incontro e’ sempre riservata  alla scambio di caldi e cordiali saluti, alla premurosa informazione delle rispettive condizioni di salute
L’occidentale usanza di ’”andare dritti al sodo senza perdersi in convenevoli” e’ considerato dai Sauditi estremamente rude e maleducato.

     d.    Ospitalità
E’ probabilmente la più evidente qualità dei Sauditi. Non e’ soltanto un’ opportuna manifestazione di cortesia o di buona educazione: e’  dovere sacro, violando il quale si disonora se stessi, la famiglia e la tribù di appartenenza.
Per capire pienamente tale caratteristica occorre sempre ricordare come  la maggioranza dei Sauditi vivesse un’esistenza nomade sino a una o due  generazioni orsono. Nel mondo beduino ogni  raro incontro tra tribù o viandanti in movimento nel deserto costituiva un evento da celebrare ed onorare ed un’occasione  per scambiarsi  racconti ed informazioni.



Come allora, anche oggi, all’inizio di un incontro,  qualunque sia il luogo o il livello del cerimoniale, viene sempre servito il caffè “arabo”, bevanda tradizionale saudita, caratterizzata dall’ essenza di cardamomo,.  Normalmente gli addetti alla distribuzione agiscono a riunione o cerimonia già in corso.
E’ sconveniente sia  rifiutarlo, sia berne più di due tazze. Come anticamente nelle tende desertiche, quando non se ne vuole più  occorre  restituire la tazza al servente agitandola  lateralmente (...l’esprimere il rifiuto a voce avrebbe  disturbato l’ospite che narrava).
I Sauditi, agiati e non,  sovente consumano i pasti seduti per terra, con le gambe incrociate e scalzi,  intorno ad un grande tappeto su cui sono disseminati grandi vassoi con le  pietanze.  Normalmente non si usano posate, ma le mani.
Occorre, nel caso, adeguarsi a tale uso. Non mostrare sorpresa o contrarietà se il padrone di casa porge direttamente all’ospite il cibo con le proprie mani. E’ ritenuto un atto di squisita cortesia attraverso il quale si porge all’ospite una porzione particolarmente prelibata.
Altro aspetto che sorprenderà  un Occidentale e’ il fatto che appena finito di mangiare, tutti i commensali tornano alle proprie  case.
La conversazione del dopocena non esiste o e’ ridotta al  minimo. Per i Sauditi  la fine del pasto conclude la serata.

3.      MANIFESTAZIONI SOCIALI PIU’ USUALI

La vita sociale si svolge soprattutto nelle case private e negli alberghi. Non esistono cinema, teatri, discoteche e circoli ricreativi; i circoli sportivi sono riservati ai soli uomini.  Sono assolutamente vietati alcolici e carne di maiale. E’ possibile ed opportuno riunire persone appartenenti a gruppi etnici e religiosi diversi, a meno che essi non appartengano a Paesi tra cui esiste uno stato conflittuale. Molto utile coltivare amicizie saudite anche se ciò presenta notevoli difficoltà: il saudita medio, infatti, ha un temperamento chiuso e sospettoso.

4.  5. NOTIZIE UTILI

a. Culto religioso
Religione ufficiale  (ed unica) e’ l’Islam. E’ assolutamente vietata la pratica di altre religioni. Chi infrange detta regola, nella migliore delle ipotesi, viene espulso dal Regno.

b. Clima
   A Riad il clima e’ caldissimo ed arido da marzo a novembre (con temperature max oscillanti tra 40-50 gradi C. e minime oscillanti tra 30-35 C.). Da dicembre a febbraio e’ fresco ( intorno ai 25 C. durante il giorno e intorno ai 10-15 C. dopo il tramonto). Non e’ tuttavia raro che la temperatura possa, per brevi periodi, attestarsi su valori decisamente piu’ bassi ( 10-15 C di giorno, 5 C di notte ).

      c. Spostamenti  nel Regno   
L’autovettura e’ il principale mezzo di trasporto e le distanze urbane sono tali da richiederne l’uso per ogni esigenza di spostamento. Se sprovvisti di autorizzazione alla guida locale (prevista solo per i residenti ed il personale comunque provvisto di ‘IQAMA “), e’ richiesta la patente internazionale.
Rispetto ad altri Paesi arabi la circolazione e’ tutto sommato fluida e regolare, anche grazie all’azione preventiva e repressiva svolta dalle forze dell’ordine.. Le pene sono severe. Passare con il rosso, ad esempio, può comportare alcuni giorni di prigione. 
Un automobilista abituato alla circolazione in Italia, una volta preso atto dello stile di guida saudita ( non sempre ortodosso ), non avrà problemi a sentirsi a suo agio nelle strade saudite.
Non esistono problemi di parcheggio
Autostrade  comode e larghe collegano le maggiori città’.
Le escursioni nel deserto richiedono un fuoristrada. E’ d’obbligo aiutare altri escursionisti eventualmente in difficoltà.
Nei lunghi trasferimenti avere sempre almeno  meta’ serbatoio pieno. I distributori di benzina sono infatti distribuiti in maniera irregolare lungo le principali arterie,  a volte in rapida successione,  altre volte estremamente diradati.
Tutte le principali città’ sono collegate da voli domestici della Saudia Airlines, compagnia di bandiera saudita , decisamente efficiente e, rispetto agli standard europei, relativamente economica.

d. Valuta
La moneta ufficiale e’ il Reale Saudita, legato al dollaro da cambio fisso: 1 $ = 3,75 Reali Sauditi.

 e. Orario
La differenza di orario e’ di + 2 ore rispetto a Roma. La differenza diventa di + 1 ora quando in Italia e’ in vigore l’ora legale.

 f. Telefono
Comunicazioni dall’Italia :
comporre codice Arabia Saudita (00966) + codice Riad (1) + numero utente.
Comporre codice Arabia Saudita (00966) + numero cellulare senza zero.
    
      Comunicazioni dall’Arabia Saudita:
      comporre codice Italia 0039 + prefisso citta’ italiana con lo zero + numero utente.
      Se la telefonata e’ indirizzata verso un cellulare:
      comporre codice Italia 0039 + numero cellulare senza lo zero + numero utente.
     
Comunicazioni interne (in Arabia Saudita):
- Chiamate da telefono fisso a cellulare o fra cellulari: comporre il numero;
- Chiamate da cellulare a rete fissa         : Anteporre sempre lo “0” e ” l’area code”
                                                                             es.   01-4881924   
Nel Regno e’ possibile l’uso del cellulare con contratto italiano.

6.    RECAPITI:

AMBASCIATA D’ITALIA
Diplomatic Quarter
P.O. BOX 94389
Riyadh 11693
Kingdom of Saudi Arabia
Sito Web: www.italia-as.org
Centralino: 00966-1-4881212 , FAX: 4881951     

giovedì 5 settembre 2019

Materiali per il Volume II Anzio ed il 1944 I


MUSEI, ARCHIVI E BIBLIOTECHE
Il Volume II dedicato ad Anzio raccoglie
tutte le iniziative promosse per la preservazione della Memoria



 Roger Water sul monumento dedicato al Padre


La fonte: Il comunicato in occasione del
 75° anniversario dello Sbarco Alleato

L’OMAGGIO  DELL’ASSOCIAZIONE “UN RICORDO PER LA PACE” AL MEMORIALE DI ERIC FLETCHER WATERS    


INAUGURATO  NEL  2014  SU  PROPOSTA DI  HARRY SHINDLER E DI “UN RICORDO PER LA PACE”




Si sono svolte il 21 gennaio ad Aprilia e Lanuvio le commemorazioni del 75esimo anniversario dello Sbarco Alleato. Le cerimonie istituzionali inserite nel circuito celebrativo dello Sbarco, avvenuto sul litorale di Anzio e Nettuno il 22 gennaio 1944.
Prima tappa presso il Memoriale in località Pontoni. Inaugurato il 17 febbraio 2014 è dedicato al Sottotenente dei Fucilieri Britannici Eric Fletcher Waters, padre del musicista Roger Waters. Era il 18 febbraio 1944 quando Eric morì nei pressi del memoriale nel corso dei cruenti combattimenti avvenuti intorno al fosso della Moletta; disperso il suo corpo come quello di tanti altri soldati.
A termine della cerimonia istituzionale tenutasi alla presenza delle autorità civili e militari del territorio l’omaggio floreale dell’Associazione “Un Ricordo per la pace”. Impresso sul nastro il nome del veterano britannico Harry Shindler rappresentante in Italia della “ITALY STAR ASSOCIATION 1943-1945”.
Harry Shindler e Elisa Bonacini  presidente di “Un  ricordo per la pace” nel 2013 furono i promotori dell’iniziativa dei due monumenti ad Aprilia in memoria di Eric Fletcher Waters e dei Caduti dello Sbarco rimasti senza sepoltura.
I memoriali realizzati dal Comune di Aprilia vennero inaugurati il 17 e 18 febbraio 2014 alla presenza di Roger Waters visibilmente emozionato. Un grande artista che per tutta la vita ha vissuto con sofferenza la mancanza del padre morto quando aveva solo pochi mesi dedicandogli alcuni struggenti pezzi nella lunga carriera iniziata nel gruppo dei Pink Floyd.
Già promotori nel 2012 dell’istituzione della giornata commemorativa della Battaglia di Aprilia, identificata dal Comune di Aprilia nella data del 28 maggio di ogni anno, Shindler e la Bonacini svilupparono a fine 2013 il progetto dei memoriali dedicati a E.F.Waters ed ai caduti dispersi del 1944. L’idea prese corpo dopo che Shindler individuò nell’ottobre 2013 il punto delle campagne di Aprilia  in cui il 18 febbraio 1944  Eric perse la vita.
Le prime indagini sul padre di Roger Waters erano partite nel 2012 dall’Associazione “Un ricordo per la pace” a seguito di una segnalazione di una signora testimone dello Sbarco. La signora R. C. affermava di conoscere il luogo di sepoltura  di  E. F. Waters indicando un preciso punto del litorale anziate, precisamente nella zona di Tor Caldara. Aveva raccontato che rientrata lei bambina ad Anzio dopo lo sfollamento aveva rinvenuto il corpo di un soldato britannico; spingeva la signora affinché fosse effettuato il test del DNA sulle eventuali tracce di resti ancora presenti.
Seppur con qualche perplessità la Bonacini nell’aprile 2012 tentò di comunicare la notizia a Roger Waters attraverso una e-mail sul forum di Roger ed un twitt. L’impresa che si prospettava assai ardua andò invece a buon fine. Le informazioni pervennero a Roger Waters attraverso il suo manager J.D. a New York, il quale rispose chiedendo ulteriori particolari.
Fu allora che Elisa Bonacini chiese aiuto all’amico Harry Shindler che da molti anni indaga con successo sui casi di soldati dispersi nella seconda guerra mondiale. La segnalazione della signora anziate ad un’attenta analisi dell’esperto Harry si rivelò presto senza fondamento, ma  fu occasione  per mettere in contatto l’ultranovantenne veterano di guerra con il musicista, cosa che avvenne telefonicamente alcuni giorni dopo. “ Ero certa - spiega la Bonacini - che Harry avrebbe preso a cuore il caso ed avrebbe iniziato le ricerche su Eric con lo stesso impegno che dedica alle tante richieste che gli provengono da gente comune. In cuor mio speravo quello che poi è incredibilmente avvenuto: Roger Waters ad Aprilia, in un evento di clamore mondiale che desse finalmente rilievo alla storia del territorio apriliano, sulla cui divulgazione tanto mi prodigo con l’attività  della mia associazione. Fu emozionante poi vedere il secondo memoriale realizzato nel comprensorio studentesco di via Carroceto il cui auditorium già accoglieva la collezione di mio fratello Ostilio sulla Battaglia di Aprilia. Patrocinata dal Comune di Aprilia l’esposizione “Un ricordo per la pace” accoglie oltre 300 reperti affidati gratuitamente dalla mia famiglia alla Città di Aprilia. Dispiace ora sia indesiderata dal Liceo Meucci che ne ha chiesto la rimozione a fine 2016. Speriamo tuttavia che il Comune di Aprilia tenga fede agli impegni presi in fase di accettazione dei materiali e che la mostra venga trasferita presto in una zona centrale di Aprilia, più facilmente visitabile da cittadini e da turisti.
Come associazione non abbiamo abbandonato la nostra missione che pare impossibile: le ricerche dei resti di Eric. In collaborazione con il Gruppo Ricerche Storiche abbiamo effettuato in zona  Pontoni diverse rilevazioni, alcune con metal detector, finora senza alcun esito positivo. Ma non demordiamo, chissà se prima o poi riusciremo nella nostra impresa. Noi ce la mettiamo tutta per il povero Eric e per tutti gli altri, vittime della follia della guerra. Almeno dar loro dignità di sepoltura. Vietato dimenticare.”












martedì 3 settembre 2019

Giuseppe Bonacini Volontario Ciclista


ARCHIVIO
 I Volontari della Grande Guerra




Impressioni di guerra
   L'ardore patriottico dei Volontari Ciclisti Automobilisti del 1915


Elisa Bonacini





Note di memoria su Giuseppe Bonacini   (Reggio Emilia 1892-1961) Dopo l'esperienza nei Volontari Ciclisti Automobilisti , si arruolò a fine 1915 nel Corpo dei Bersaglieri del  Regio Esercito. Durante la seconda guerra mondiale, seppure mutilato di guerra, fu Comandante del Distretto militare di Reggio Emilia.

Ricordi di famiglia

La figura di mio nonno Giuseppe, che non ho mai conosciuto, poiché morì nel 1961, dopo una lunga ed inesorabile malattia quando avevo solo pochi mesi,  mi è stata comunque sempre familiare, poiché la sua foto e quella di mio zio Dante, amatissimo figlio morto in prigionia nel 1943 in Russia, hanno troneggiato per decenni su un mobile della nostra sala da pranzo.
Insieme, entrambi in divisa, entrambi Bersaglieri, entrambi intrisi di un forte “amor di patria”, tanto   da portare il padre a non interferire sul percorso militare del primogenito Dante di soli 20 anni disponendone nel ruolo di Comandante del Distretto Militare di Reggio Emilia la partenza per il temibile fronte russo nel settembre 1942, da cui non fece  più ritorno.
Non era necessario quindi si parlasse di lui in famiglia, bastava un'occhiata alla sua foto per immergermi virtualmente in quei contesti di guerra, in quelle atmosfere epiche, in quelle gesta eroiche che la mia mente fantasiosa di bambina rendevano quasi tangibili, reali, simili a scene di alcuni films che vedevo talvolta in televisione od al cinema.
Tanti anni sono trascorsi, la vita è avanzata veloce con giorni spensierati, ma anche un grande dolore, la fine improvvisa di mio fratello Ostilio. A lui, bambino di pochi anni, nonno Giuseppe aveva raccontato la sua esperienza di guerra, immagino con quale minuzia di particolari, cercando di inculcargli un po' di disciplina e quel rispetto delle regole che per tutta la vita aveva perseguito.


lunedì 2 settembre 2019

I tre mari mediterranei. Panama e le alternative.

UNA FINESTRA SUL MONDO
Geopolitica dei trasporti


 Il mare caraibico, uno dei tre mari mediterranei dl mondo, potrà a breve vedere la realizzazione della apertura di un altra porta di comunicazione con l'Oceano Pacifico, oltre oltre al Canale di Panama. Vi sono quattro alternative, ma tranne quella dell'istmo di Tehuantepec, Messico, che dovrebbe realizzarsi su ferrovia, tutte  gli altri progetti al momento sono fermi per la debolezza economica dei paesi interessati.

domenica 1 settembre 2019

Rinione CESVAM

NOTIZIE CESVAM
II Semestre 2019

MEMORANDUM

 Per Lunedi 2 settembre 2019 alle or 11,00
presso la sede Nazionale
 Piazza Galeno 1, Roma

con la seguente agenda


1. Situazione Rivista QUADERNI DEL NASTRO AZZURRO.

2. Progetto 2017. Stato avanzamento

3. Progetti 2018 Stato Avamzamento

4. Progetti 2019. Comunicazione del Direttore. Approvazione da parte del Ministero Difesa

5. 8 Settembre 1943 . Convegno La Maddalena ( Nota Mario Rino Me)

6. Progetti 2020. Relazione illustrativa

7. Master Unicusano Roma. Nota Direttore

8. Rapporti tra CESVAM ed Università Nazionale - Sofia( Antonio Trogu)

9. Predisposizione lineamenti generale Report 2017-2019  

Nell'occasione saranno riavviati i lavori di approntamento e ricerca in essere.